Vi abbiamo già scritto le nostre considerazioni e un nostro approfondimento sul referendum costituzionale che voteremo domenica 20 e lunedì 21 settembre (https://www.sudperlitalia.com/pillole-dattualita-referendum-costituzionale-taglio-dei-parlamentari/).

Anche in questo articolo vi invitiamo, qualsiasi sia la vostra intenzione di voto, a partecipare allo stesso affinché a noi cittadini torni la facoltà di incidere sulla vita del paese.

Noi di S.U.D. per l’Italia abbiamo già espresso le nostre considerazioni in merito, ma per aiutarvi ancor di più a chiarire i contenuti del referendum, vi elenchiamo 10 motivi per votare SÌ e 10 motivi per votare NO.

 

I 10 motivi per votare SÌ:

  • Il parlamento sarebbe più snello ed efficiente
  • Sarebbe l’occasione finalmente per approvare un taglio dei parlamentari che da vent’anni si cerca di applicare nel nostro paese
  • Il numero dei nostri parlamentari si riallineerebbe a quello degli altri paesi dell’UE
  • I cittadini potranno meglio vigilare sull’operato dei propri rappresentanti. Gli stessi partiti potranno controllare meglio i propri parlamentari assicurando che il voto dei propri elettori venga rispettato.
  • La riforma è stata approvata in quarta lettura quasi all’unanimità. La decisione di sottoporre il quesito a referendum è manifestazione di incoerenza da parte dei parlamentari
  •  Riducendo i parlamentari sarebbe meno probabile avere in parlamento politici assenteisti o corrotti
  • Sarebbe una riforma che condurrebbe ad una modernizzazione del nostro paese, sulla scia degli altri paesi dell’UE.
  • Evitando l’accesso in parlamento ai partiti minori si evitano governi in cui i piccoli partiti fanno da ago della bilancia
  • Porterebbe ad una scia di riforme per rendere più efficiente il nostro parlamento e sistema elettorale: una nuova legge elettorale, elezione del senato su base nazionale e voto per il senato esteso ai diciottenni.
  • Si risparmierebbero circa 60 milioni di euro l’anno

I 10 motivi per votare NO:

  • Il risparmio sarebbe minimo, contando che soltanto il referendum costerebbe 300 milioni di euro. Non si può barattare le democrazie col risparmio
  • Per difendere la costituzione: I padri costituenti optarono per un numero di parlamentari maggiore di quello proposto. Non si può confrontare il nostro parlamento con quello di paesi con altre forme istituzionali e di governo.
  • La soluzione sarebbe diminuire gli stipendi e intervenire sulle funzioni del parlamento
  • È una bandiera del M5S, partito anti-establishment che ha convinto il popolo che il taglio dei parlamentari rappresentasse un dispetto verso la classe politica.
  • La perdita di rappresentanza non sarà uniforme, il Sud o regioni con meno abitanti, pagheranno il prezzo più alto
  •  Con 200 senatori i governi saranno più instabili, basteranno pochi “cambi di casacca” per far cadere un governo. I senatori a vita avrebbero ancora più rilevanza
  • La riforma rallenta il processo legislativo, essendoci pochi membri per troppe commissioni.
  • Nascerebbero problemi di rappresentanza: penultimi nell’UE per rapporto cittadini-parlamentari
  • Le élite dei grandi partiti controlleranno il parlamento e i propri parlamentari. I pochi ad entrare in parlamento saranno i volti noti dei partiti, chi avrà i soldi per la campana elettorale o chi si trovi in cima alle liste
  • La riforma non introduce il bicameralismo imperfetto e non assicura una migliore legge elettorale: è un voto a scatola chiusa.

Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra e condividete il post

 

Editor: LS

#sudperlitalia

#SosteniamoUnitiDiritti

 

https://www.facebook.com/sudperlitalia/

CANALI TELEGRAM: @Sudperlitalia

Gruppo ufficiale Telegram: https://t.me/gruppoufficialeSUDPerlIt

Canale news Telegram: https://t.me/politicaSUDperlitalia

INSTAGRAM: @sud_perlitalia

#berlusconi #camera #centrosinistra #clandestini #coerenza #comitatodelno #comitatodelsi #conte #contrattodigoverno #costituzione #dimaio #diritti #dirittiumani #economia #futuro #giovani #governo #italia #italy #lavoratore #lavoro #lega #leggi #m5s #maggioranza #matteosalvini #Milano #movimento5stelle #napoli #news #opposizione #parlamento #partiti #politica #politicaitaliana #politici #politics #primagliitaliani #propagandalive centrodestra #referendum #renzi #repubblica #repubblicaitaliana #rilancio #roma #Salvini #senato #sicurezza #stacambiandoqualcosa #sud #terzo #tormentoni #unaclassepoliticadaricreare #vita #votano #votasi #work

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!

Lascia un MI PIACE su Facebook!