In Campania, il giorno 24 settembre 2020 è stata emanata un’ordinanza n.72 che obbliga nuovamente la mascherina obbligatoria in ogni momento e in qualsiasi situazione. Ordinanza firmata dal governatore riconfermato Vincenzo De Luca.

Questa mattina, il governatore ha scritto al governo, sollecitando il Ministro dell’interno a definire un piano di impegno straordinario delle forze dell’ordine, per garantire il rispetto delle misure di prevenzione emanate.

Ora non siamo qui a giudicare la bontà o meno delle ordinanze o delle lettere di sollecito al Governo, e né tantomeno vogliamo analizzare il motivo della sua vittoria alle elezioni. Qui c’è solo da porsi alcune domande d’analisi.

De Luca, nei mesi di pandemia è stato un governatore molto duro, adottando misure anche più forti rispetto ad altre regioni. Questo suo pugno duro (magari con delle modalità da rivedere, visto che ne è diventato anche MEME sui social network) ha garantito alla regione Campania un contenimento dei contagi, riuscendo a toccare anche quote di 0 contagi, quota che altre regioni italiane non hanno mai toccato.

Oggi invece la regione Campania ha una situazione molto delicata e difficoltosa visto che ha un numero di contagi tra i più alti. Questa situazione non è solo figlia però delle riaperture economiche, della mobilità interregionale (come magari viene sbandierato) oppure dal rilassamento della popolazione campana (questa incide abbastanza), ma è figlia anche di alcuni errori politici.

Quanto appena emanato dalle ordinanze è giusto, ma perché De Luca ha aspettato le elezioni?

Quando ha visto il rilassamento della popolazione, perché non ha fatto ordinanze? Aveva paura di perdere dei voti?

Perché non sono presenti controlli sul territorio?

Perché si è dovuto aspettare di diventare una delle regioni con i contagi più alto?

Le elezioni che l’ha visto vincitore quasi al 70% delle proferenze, gli hanno sicuramente riconosciuto un attestato di buona amministrazione (in tempi di Covid, ma De Luca negli scorsi quattro anni poteva fare sicuramente di più in molti rami come Sanità e Terra dei Fuochi), ma nei mesi trascorsi più vicini ad oggi, purtroppo il governatore ha visto prima i suoi interessi politici e poi quella della popolazione.

Speriamo che questo tempo perso non diventi un’ecatombe per la popolazione campana, anche se nella sua consueta diretta Facebook del venerdì, ha minacciato la popolazione la chiusura delle attività economiche (ristoranti, bar, pub, etc… etc…) e multe di € 1.000, se nei prossimi 3/4 giorni la curva dei contagi non rientra (ma sappiamo che purtroppo non rientreranno in un lasso di tempo così breve).

Noi di S.U.D. per l’Italia non metteremo mai gli interessi politici personali a quelli della popolazione. Questa è una promessa che scriviamo ora e che rimarrà per sempre scritta. Invitiamo comunque a tutti a rispettare le regole per la nostra salute e per il futuro dei nostri figli e nipoti.

Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra e condividete il post

 

Editor: LS

#sudperlitalia

#SosteniamoUnitiDiritti

https://www.facebook.com/sudperlitalia/

CANALI TELEGRAM: @Sudperlitalia

Gruppo ufficiale Telegram: https://t.me/gruppoufficialeSUDPerlIt

Canale news Telegram: https://t.me/politicaSUDperlitalia

INSTAGRAM: @sud_perlitalia

Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

#DeLuca #Campania #Covid #ordinanze #Campania #Napoli #mascherine #contagi #hannopersotutti #antipolitica #Berlusconi #camera #centrosinistra #clandestini #coerenza #comitatodelno #comitatodelsi #conte #contrattodigoverno #costituzione #dimaio #diritti #dirittiumani #economia #futuro #giovani #governo #italia #italy #lavoratore #lavoro #lega #leggi #m5s #maggioranza #matteosalvini #Milano #movimento5stelle #napoli #news #opposizione #parlamento #partiti #politica #politicaitaliana #politici #politics #primagliitaliani #propagandalive #centrodestra #renzi #repubblica #repubblicaitaliana #roma #Salvini #senato #sicurezza #devecambiarequalcosa #sud #tormentoni #unaclassepoliticadaricreare #work

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!

Lascia un MI PIACE su Facebook!