Come oramai sanno tutti gli italiani (sportivi e non), stasera si sarebbe dovuto giocare (o forse dovrebbe giocarsi?!?) a Torino il big match Juventus -Napoli valido per la terza giornata del campionato italiano.

Il condizionale è d’obbligo, dato che in queste ore è in atto una vera e propria bagarre.

 

In breve, i fatti:

  1. La settimana scorsa a Napoli si è disputata la partita di campionato tra Napoli e Genoa, nonostante fossero accertati 2/3 casi di positivi tra le file dei rossoblù (il portiere Perin e il centrocampista Schone).
  2. All’indomani della partita, lo screening di routine ha evidenziato prima altri 5/6 giocatori genoani contagiati (alcuni scesi in campo contro il Napoli). Ad oggi siamo attorno ai 12/13 contagiati, praticamente più del 50 % della rosa.
  3. Sempre questa settimana dai test è risultato positivo un calciatore del Napoli (Zielinski) e un dirigente. Ai due contagiati, si è aggiunto ieri un altro calciatore partenopeo (Elmas).
  4. In vista del big match di questa sera, il Napoli calcio in ritiro a Castelvolturno

 

Alla luce dell’evoluzione dei contagi, l’Asl Napoli 1 ha disposto l’isolamento domiciliare per tutti i tesserati del Napoli e ha di fatto bloccato la partenza della squadra verso Torino.

Da qui comincia la commedia degli orrori. La cronaca sportiva lascia spazio alla cronaca giuridica.

A dispetto del provvedimento dell’Asl di Napoli, infatti, la Juventus si è affrettata a precisare che stasera sarà regolarmente in campo e la Lega calcio ha confermato il match per stasera.

Ancora una volta una caduta di stile della Vecchia Signora e la riconferma da parte dei vertici del calcio che l’unico interesse delle società di Serie A è solo il business.

Al momento non siamo in grado di prevedere gli sviluppi della vicenda ma è necessario porre l’accento su tutto ciò che sta succedendo.

L’Asl Napoli 1 ha correttamente provveduto a mettere tutti i calciatori del Napoli in isolamento domiciliare in attesa dei tamponi di lunedì.

Come dimostrato anche dall’evoluzione epidemiologica che ha colpito il Genoa, il virus può mostrarsi a distanza di alcuni giorni (fino a 14 giorni dal momento del contagio) e quindi i calciatori del Napoli potrebbero contagiare i calciatori della Juve, così creando un effetto a catena, poiché anche se sono asintomatici, questi soggetti possono contagiare (esempio palese i giocatori del Genoa).

Al di là dell’appartenenza a una tifoseria, il buon senso dovrebbe suggerire di mettere al primo posto la salute dei calciatori e di conseguenza la salute pubblica. Anche alla luce della crescita esponenziale dei positivi in Italia.

Come si può allora continuare a parlare di calcio? Come si fa a chiedere di giocare, nonostante tutto, la partita di stasera?

Perché i locali commerciali non possono vendere alcolici da asporto dopo le 22, ma si può permettere a un potenziale cluster di circolare liberamente su tutto il territorio?

Ancora una volta le lobby dettano le regole!

Ma questa volta le norme ordinarie sono chiare:

– chi ha avuto contatti accertati con persone risultate positive deve essere sottoposto a controllo, e nel frattempo può essere messo in isolamento volontario;

– i soggetti sottoposti a obbligo di isolamento domiciliare non possono spostarsi dalla propria residenza, salvo incorrere in sanzioni pecuniarie.

Alla prova del nove, il protocollo della Lega calcio ha dimostrato tutta la sua debolezza, ma al di là di tutto è il nostro Paese ad aver dimostrato la sua debolezza. Siamo ancora qui ad interrogarci se giocare o meno stasera una partita di calcio per interessi economici, e non ci preoccupiamo delle influenze stagionali in arrivo e dell’andamento in crescita dei contagi.

 

Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra e condividete il post

Editor: MC

#sudperlitalia

#SosteniamoUnitiDiritti

 

https://www.facebook.com/sudperlitalia/

CANALI TELEGRAM: @Sudperlitalia

Gruppo ufficiale Telegram: https://t.me/gruppoufficialeSUDPerlIt

Canale news Telegram: https://t.me/politicaSUDperlitalia

INSTAGRAM: @sud_perlitalia

Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

 

#calcio #juventus #napoli #football #cr7 #seriea #crisitanoronaldo #covid19 #coronavirus #protocolli #farsaitaliana #asl #isolamento #m5s #conte #dimaio #hannopersotutti #antipolitica #Berlusconi #camera #centrosinistra #clandestini #coerenza #contrattodigoverno #costituzione #diritti #dirittiumani #economia #futuro #giovani #governo #italia #italy #lavoratore #lavoro #lega #leggi #maggioranza #matteosalvini #Milano #napoli #news #opposizione #parlamento #partiti #politica #politicaitaliana #politici #politics #primagliitaliani #propagandalive #centrodestra #renzi #repubblica #repubblicaitaliana #roma #Salvini #senato #sicurezza #devecambiarequalcosa #sud #tormentoni #unaclassepoliticadaricreare #work

One response

  1. La Juve e’ cinica e vile, incurante della salute pubblica, l’unica cosa che conta sono i 3 punti lucrati con la complicità della Lega calcio che non applica la responsabilità oggettiva nel caso Suarez anzi e’ complice nel mettere a tacere tutto e invece col Napoli subito emane un comunicato ( o si presentano o perdono per 3-0).omettendo che il protocollo rimette il tutto agli enti territoriali di competenza( ASL) territoriali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!

Lascia un MI PIACE su Facebook!