Se riparte il Sud, riparte l’Italia. Questa frase ormai la sentiamo ripetere da anni.

Amministratori e imprenditori del Nord hanno denunciato un vero e proprio pregiudizio nei confronti del Nord Italia da parte del Governo, ma sono solo voci strumentali per far si che il nord possa avere sempre più risorse.

Adesso vediamo nel dettaglio cosa questo Governo ha deciso a favore nei confronti del Mezzogiorno.

Si è sancita la clausola del 34% per la quale al Sud debbano essere necessariamente spesi fondi nazionali pari al numero della popolazione residente, appunto il 34%. Questo perché negli ultimi anni al Sud si investiva addirittura meno, nonostante i principi di perequazione previsti dalla nostra Costituzione, nonostante per accorciare i divari territoriali si dovesse investire di più. Questa quota però non è sufficiente per recuperare un divario. Il restante 66% verrà diviso appunto tra il centro-nord. Per recuperare bisogna dare di più a chi ha avuto di meno negli anni.

Il ministro Provenzano ha riorganizzato la gestione dei fondi strutturali e posto in essere un piano di investimenti che canalizzasse le risorse previste dal NextGenerationEU per la lotta al covid.

Si tratta di politiche importanti ma che corrispondono ad un equilibrio demografico e territoriale, ma in realtà l’unico vantaggio concesso dal Governo al Sud, è un regime fiscale a favore previsto nel decreto agosto.

Il Governo, grazie a questi aiuti, ha permesso ipoteticamente alle aziende del Sud di poter competere con quelle del Nord e soprattutto con quelle nel mercato internazionale, visto che negli ultimi anni sono state lasciate molto indietro, e adesso serviranno passi da gigante per tornare a competere equamente con le altre. Scelta saggia da parte del Governo che vuole aiutare una parte del territorio in difficoltà e come si fa a far recuperare il divario se non concedendo qualche vantaggio? Ma quanto fatto fino ad ora sicuramente non basterà!

Al Nord tutto questo non piace, perché l’idea di molti politici e amministratori è quella di investire nei territori dove c’è il maggior ritorno di investimento e che poi venga redistribuito al Sud. Ma se al Sud non s’investe, o comunque molto poco, quando mai potrà competere con la parte settentrionale del nostro Paese? Quando il Sud potrà splendere in tutto il suo territorio e creare numerosi posti di lavoro anziché perdere quei pochi presenti?

Con queste decisioni prese negli anni anziché ridurre il divario, non si è fatto altro che ampliare ancor di più la forbice creando una vera e propria spaccatura.

Nella stagione in cui il mondo cerca una cura al Covid-19, lo stivale dovrebbe impegnarsi a trovare un vaccino ben più potente e complicato da iniettare nella sua popolazione, lo spirito da grande Paese, unico vero rimedio al peggiore di tutti i virus, quello della disunità italiana, alimentata da certa imprenditoria miope e da politici inadeguati.

Per risanare questa forbice bisogna tornare ad investire pesantemente proprio in quelle regioni che sono rimaste indietro e che hanno bisogno di aiuto per crescere e con loro crescerà anche l’Italia. L’intera nazione ha bisogno di ripartire proprio dal Sud cercando di non lasciare nessuno indietro e soprattutto cercando di “riunire” l’Italia senza nessuna spaccatura economica e sociale. Fin quando non si riuscirà a capire che il Nord ha bisogno del Sud e viceversa, l’Italia non sarà in grado di competere con le massime potenzialità con le altre “Big” sul mercato. L’Italia è una sola e indivisibile e deve cercare di essere una squadra perfetta dove si lavora tutti e insieme per ottenere i migliori risultati possibili.

Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra e condividete il post

 

Editor: LZ

#sudperlitalia

#SosteniamoUnitiDiritti

https://www.facebook.com/sudperlitalia/

CANALI TELEGRAM: @Sudperlitalia

Gruppo ufficiale Telegram: https://t.me/gruppoufficialeSUDPerlIt

Canale news Telegram: https://t.me/politicaSUDperlitalia

INSTAGRAM: @sud_perlitalia

#politica #italia #italy #salvini #lega #governo #politics #news #politicaitaliana #m5s #parlamento #primagliitaliani #matteosalvini #roma #larivoluzionedelbuonsenso #salvinipremier #dimaio #lombardia #pd #maggioranza #centrodestra #salvini #legaincomune #cambiamento #lega #impegno #coraggio #bilancio #legasalvini #sud #diritti #SosteniamoUnitiDiritti #Provenzano #GiuseppeProvenzano #Conte #sviluppo #nord-sud #nord #divario #divarionordsud #unità #unitanazionale #suditalia #meridione #settentrione #amministratori #economia #economy #sinistra #meloni #berlusconi #renzi #covid #sociale #imprenditori #imprenditoria #scelte #sbagliate #fondi #fondinazionali #invesitmenti #business

Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!

Lascia un MI PIACE su Facebook!