Il popolo italiano ha sprecato un’occasione. Abbiamo avuto un’estate intera per prepararci alla seconda ondata di COVID-19, e introdurre tutte le precauzioni del caso. Invece abbiamo voluto vivere l’estate con la massima spensieratezza e pensare che ormai il peggio fosse passato senza tornare più. Questo pensiero era comune praticamente a tutti, dal premier Conte fino alla persona più anziana nel comune più piccolo d’Italia.

Oggi invece ci ritroviamo un governo che corre improvvisamente con DPCM (e quelli che verranno) per sistemare una situazione critica.

Si sono aperte le scuole, con la ministra Azzolina che difende con le unghie e con i denti il suo operato, senza sistemare però le strutture e fornire alle scuole i dispositivi di protezione individuati. La cosa più grave però, sta nel fatto di aver iniziato la scuola senza sistemare il trasporto locale.

Metropolitane e bus sono sovraffollati. Il governo ci dice che la maggioranza dei contagi si creano in famiglia. Ma come permettiamo ai componenti della famiglia a non ammalarsi? Come permettiamo ai giovani di recarsi nelle scuole e non portare il virus preso in metropolitana?

I nostri ospedali sono già sotto stress. In questi mesi, il governo non ha avuto la forza (o la voglia?) di rafforzare il sistema sanitario nazionale, creando così già caos e paura tra medici e cittadini.

Abbiamo oggi un sistema di tamponi e test rapidi che non funziona alla perfezione. Tempi lunghi per eseguire i test e regioni che nonostante la crisi economica delle persone, istituiscono un albo di laboratori privati dove il cittadino può recarsi a proprie spese ad effettuare il tampone.

Ci ritroviamo le regioni in difficoltà a fornire i vaccini antinfluenzali (la Lombardia addirittura li compra non approvati dall’AIFA), quando poi consigliano a tutta la popolazione a vaccinarsi.

Siamo in una situazione di pre-caos, poiché nonostante i segnali di lockdown che arrivano (vedi le chiusure anticipate), abbiamo ancora persone (vedi l’attore Montesano ieri) che negano o non rispettano le normative anti-covid.

L’italiano ha già dimenticato i nostri medici e infermieri stremati o la lunga fila di camionette militari piene di bare.

Devono far pensare i tanti commenti “sarcastici” delle persone sotto i bollettini delle regioni, affermando che sono tutti asintomatici e che siamo in dittatura sanitaria e politica. Oppure si legge di commercianti o liberi professionisti che si rivoltano alle minacce di lockdown, ma molti di loro non hanno rispettato le norme anticovid.

Sicuramente siamo messi meglio rispetto a tanti paesi vicini e no, ma oggi ci ritroviamo di nuovo a rincorrere il virus e non anticipandolo.

Tutto questo sta succedendo di nuovo, e dobbiamo prenderci tutti la nostra responsabilità. Si parte da una classe politica ormai inefficiente poiché composta da una maggioranza “che tira a campare” e un’opposizione che sa solo urlare e protestare ingiustificabilmente. Abbiamo regioni inefficienti, ove molti governatori hanno pensato solo alle campagne elettorali, e poi una fetta di responsabilità è anche nostra. Abbiamo vissuto un’estate senza regole, basti pensare alle spiagge affollate e le discoteche piene.

 

Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra e condividete il post

 

Editor: LS

#sudperlitalia

#SosteniamoUnitiDiritti

 

https://www.facebook.com/sudperlitalia/

CANALI TELEGRAM: @Sudperlitalia

Gruppo ufficiale Telegram: https://t.me/gruppoufficialeSUDPerlIt

Canale news Telegram: https://t.me/politicaSUDperlitalia

INSTAGRAM: @sud_perlitalia

Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

 

 

#covid19 #coronavirus #protocolli #farsaitaliana #asl #isolamento #m5s #conte #dimaio #hannopersotutti #antipolitica #Berlusconi #camera #centrosinistra #clandestini #coerenza #contrattodigoverno #costituzione #diritti #dirittiumani #economia #futuro #giovani #governo #italia #italy #lavoratore #lavoro #lega #leggi #maggioranza #matteosalvini #Milano #napoli #news #opposizione #parlamento #partiti #politica #politicaitaliana #politici #politics #primagliitaliani #propagandalive #centrodestra #renzi #repubblica #repubblicaitaliana #roma #Salvini #senato #sicurezza #devecambiarequalcosa #sud #tormentoni #unaclassepoliticadaricreare #work

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!

Lascia un MI PIACE su Facebook!