Oggi le nostre attenzioni non sono per la politica, ma per un qualcosa che ha scosso dentro l’autrice del testo e noi tutti.

Secondo da quanto si apprende dai vari quotidiani, “Jonathan Galindo” chiederebbe l’amicizia a bambini e adolescenti su Instagram, Facebook e Tik Tok, mandando un messaggio privato e chiedendo se “vogliono giocare”. A questo punto chi starebbe dietro l’account trascinerebbe le sue vittime in una serie di “sfide” che arriverebbero fino all’autolesionismo e al suicidio. Un po’ come il famoso “Blue Whale”.

È questa la pista provvisoria che si cela dietro il misterioso suicidio avvenuto ieri nella zona di Napoli, dove un bambino di soli 11 anni ha compiuto questo estremo gesto peraltro lasciando un bigliettino enigmatico alla sua famiglia con scritto sopra «Vi amo, ho un uomo incappucciato davanti, non ho tempo»

Al di là del fatto di cronaca su cui non voglio sorvolare perché ovviamente sarà compito delle indagini a trovare una risposta precisa, mi pongo alcune intime domande:

Come mai oggi queste Challenge sono così famose e diffuse tra i giovani?

Com’è possibile che una persona possa adescare minorenni indisturbata o pubblicare contenuti osceni senza problemi?

Come mai i social lasciano questa libertà? Non sarebbe ora di introdurre le misure più efficaci da un lato e una consapevolezza dell’utilizzo dei social network? La domanda più difficile che mi pongo, che più fa male al mio e al cuore dei miei colleghi di S.U.D. per l’Italia, è come mai I nostri bambini vengono adescati da queste persone, come fanno a dargli fiducia?

Secondo me c’è qualcosa che non va nell’educazione moderna, c’è un isolamento sociale a cui si deve riparare, c’è proprio una mancanza di comunicazione tra la famiglia e la società.

I social non sono posti giusti e protetti per sentirsi come “a casa”, i social sono molto pericolosi sotto questo punto di vista e secondo me servirebbe molto insegnare il senso di responsabilizzazione, essere più consapevoli di non fidarsi degli sconosciuti.

S.U.D. per l’Italia ha inserito nel proprio manifesto dei valori, e discusso anche in vari articoli, l’importanza della famiglia, dei più piccoli e dei più deboli. Noi lavoreremo finché la nostra società possa riprendersi.

 

Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra e condividete il post

Editor: TM

#sudperlitalia

#SosteniamoUnitiDiritti

 

https://www.facebook.com/sudperlitalia/

CANALI TELEGRAM: @Sudperlitalia

Gruppo ufficiale Telegram: https://t.me/gruppoufficialeSUDPerlIt

Canale news Telegram: https://t.me/politicaSUDperlitalia

INSTAGRAM: @sud_perlitalia

 
Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

 

#challage #socialchallage #suicidio #Napoli #giovani #JonathanGalindo #Galindo #cronaca #cronacanera #Jonathan #darkweb #adolescenza #fragili #scuola #educazione #italia #gioco #paura #attenzione #figli #psicologia #minorenni #social #facebook #instagram #tiktok #social #socialmedia #pazzi #futuro #vita #pericolo #incubo #biglietto #ignapoli #igersnapoli #igersitalia #igersitaly #igbenevento #igerscampania

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!

Lascia un MI PIACE su Facebook!